La Germania ordina 190 milioni di pillole anti radiazioni


BERLINO – Un maxi ordine da 190 milioni di compresse di iodio anti-radiazioni è stato inoltrato a un produttore austriaco dall’Ufficio federale tedesco per la protezione dalle radiazioni, da distribuire alla popolazione in caso di disastro nucleare. Lo riferisce l’emittente Wdr. L’ordine da 50 milioni di confezioni è il più grande ordinativo mai ricevuto dal gruppo farmaceutico austriaco Gerot Lannach. Si tratta di un acquisto a titolo preventivo che è stato confermato dall’Ufficio federale tedesco.

L’istituto afferma di aver seguito le indicazioni della Commissione per la protezione dalle radiazioni che ha elaborato una nuova strategia preventiva dopo il disastro di Fukushima. Secondo le indicazioni il raggio di influenza degli agenti radiottivi sarebbe molto più esteso di quanto finora supposto. L’assunzione di alte quantità di iodio dovrebbe evitare che il corpo assuma iodio radiattivo che potrebbe liberarsi dai reattori nucleari. I costi dell’operazione si aggirano intorno agli 8,4 milioni di euro, riferisce la stampa tedesca.

La Germania ha deciso di sospendere gradualmente la produzione di energia nucleare dopo l’incidente di Fukushima nel 2011 e la chiusura definitiva delle centrali nucleari è prevista entro il 2022.


“La Repubblica si batterà sempre in difesa della libertà di informazione, per i suoi lettori e per tutti coloro che hanno a cuore i principi della democrazia e della convivenza civile”

Carlo Verdelli
ABBONATI A REPUBBLICA


http://www.repubblica.it/rss/ambiente/rss2.0.xml

Leave a Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi