Lascia eredità a Comune, causa da 1mld – Cronaca


(ANSA) – NUORO, 20 MAR – Il Comune di Siniscola rischia di
dover pagare un maxi risarcimento di 1 miliardo di euro chiesto
dagli dai due eredi del nobile cavalier Giovanni Pusceddu, morto
nel 1911 dopo aver lasciato tutti i suoi beni ad alcuni enti
caritatevoli e alla stessa amministrazione comunale,
vincolandoli però alla costruzione di un ospedale a favore dei
poveri. Ma l’opera non è mai stata realizzata e quei beni nel
frattempo sono stati quasi tutti venduti. La notizia, anticipata
da La Nuova Sardegna, è stata confermata all’ANSA dal sindaco
Gianluigi Farris.
   
Gli eredi del nobiluomo, dopo aver quantificato il valore
della cospicua eredità – centinaia di ettari sul litorale dove
sono state realizzate e poi vendute le lottizzazioni di S’Ena e
Sa Chitta e Sa Petra Ruia, decine di immobili e terreni
edificabili – hanno fatto causa al Comune. Pretendono la
restituzione degli appezzamenti perché ritengono nulle le
compravendite chiuse col patrimonio del lascito, vincolate alla
nascita dell’ospedale.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA


Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi