L’eredità di Fellini 25 anni dopo – Cinema


Venticinque anni senza Federico Fellini: se ne va il 31 ottobre del 1993 e il mondo si accorge di un vuoto che non riguarda solo la storia del cinema, ma un’idea dell’arte che rimanda ai geni multiformi della creazione come Picasso, Warhol, fino a Bergman. Il fatto è che lo stile, il “fantarealismo” felliniano non è tanto un modo di rappresentazione del cinema quanto una visione del mondo. La sua è un’eredità diffusa: la sua presa sul cinema internazionale è tanto forte da aver spinto un’intera generazione di registi americani a specchiarsi a farne un’icona e un modello più o meno dichiarato. Da Paul Mazursky a Martin Scorsese, da Vincent Minnelli a Woody Allen, Rob Marshall, Bob Fosse, Francois Truffaut, Peter Greenaway, Lars von Trier. E in Italia? Tra i molti Giuseppe Tornatore, Matteo Garrone e Paolo Sorrentino. Ettore Scola ha reso il più bello degli omaggi (“Che strano chiamarsi Federico”, 2013), proprio per affermare che con la sua morte era calato un sipario dal quale oggi filtrano solo pallidi luccichii.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA










https://www.ansa.it/sito/notizie/cultura/cinema/cinema_rss.xml

Leave a Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi