Libertà, la mappa di Salvatore Veca – Libri


(di Mauretta Capuano)
(ANSA) – ROMA, 14 AGO – SALVATORE VECA, LIBERTA'(TRECCANI
LIBRI VOCI, PP 96, EURO 10.00). Libertà positiva e negativa,
secondo la famosa distinzione di Isaiah Berlin, libertà dalla
paura e dal bisogno, libertà individuale. Salvatore Veca in una
preziosa mappa di viaggio tra le teorie sul concetto di
‘Libertà’ mostra come ogni discorso su questo tema connetta “a
suo modo la libertà con qualche altra cosa”. E questo
qualcos’altro sono cose che contano, che noi consideriamo
valori, come la giustizia, la tolleranza, la democrazia,
conquistati nel corso del tempo ma non per questo salvi dal
rischio della loro perdita e dissipazione.
   
“Anche i valori che più contano per noi possono a un certo
punto, in una varietà di circostanze, essere messi ‘in saldo’
sul mercato delle idee, delle credenze e delle convinzioni”
spiega Veca nel libro, pubblicato nella collana ‘Voci’ di
Treccani che, a partire dall’enorme patrimonio dell’Istituto,
“intende diffondere in volumi concisi e di consultazione un
sapere che è insieme radice storica e necessità contemporanea,
con la riproposizione di temi e parole chiave”.
   
Tra i maggiori filosofi italiani, presidente onorario della
Fondazione Feltrinelli, Veca sostiene che la libertà può essere
messa a fuoco come fatto, come valore e come senso e ripercorre
la sua straordinaria importanza nel nostro lessico civile, etico
e politico. Allo studioso piace ricordare anche la lezione di
Giorgio Gaber che invitava a riflettere sul fatto che “libertà
non è star sopra un albero, non è neanche avere un’opinione, la
libertà non è uno spazio libero, libertà è partecipazione”.
Ma cosa significa per noi essere liberi o libere? E
soprattutto “qual è l’area entro la quale una persona è o
dovrebbe essere lasciata fare o essere ciò che aspira a fare o
essere, senza interferenze da parte di altre persone?” si
domanda il filosofo che fa notare, sempre rifacendosi a Berlin,
come nessuna libertà sia gratis. In questo percorso che tocca i
punti fondamentali di uno dei temi più urgenti del dibattito
politico e sociale contemporaneo Veca fornisce gli strumenti e
le coordinate per orientarsi tra le diverse teorie con
riferimenti anche a John Stuart Mill, Norberto Bobbio e John
Rawls. Il filosofo approfondisce il significato di libertà
democratica, riflette sulla dimensione etica della libertà e
l’idea di uguaglianza e sul suo valore sociale con precisi
richiami all’illuminismo che “non è una costruzione dottrinaria
priva di connessioni, ma il continuo, rischiarante colloquio che
dobbiamo fare con noi stessi e con gli altri” dice nel libro che
propone anche tre casi di libertà moderne: quello della libertà
religiosa, della libertà economica e della libertà politica. Un
viaggio in cui alla fine mostra che “i confini fra noi e gli
altri non devono contare. Spesso sono muri fra le persone, ma
dovrebbero essere ponti fra le persone. E dovrebbero includere,
non escludere. Perché a chiunque può accadere di essere
straniero rispetto a qualcuno” dice il filosofo che nei suoi
studi ha affrontato i temi della cittadinanza, della giustizia e
della laicità. (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA


Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi