Milano, spina bifida corretta in utero: “E’ il primo intervento del genere in Europa”


Un gruppo di ginecologi e neurochirurghi dell’Ospedale San Raffaele di Milano ha eseguito con successo la “correzione completa neurochirurgica della spina bifida in utero” con una tecnica “mai utilizzata prima in Europa”. La malformazione era stata diagnosticata alle 19esima settimana di gestazione: l’intervento, durato poco più di due ore, è stato condotto con una tecnica a ridotta invasività volta per minimizzare la possibilità di traumi all’utero e al feto, che rimane costantemente protetto dal calore materno.

Il team del San Raffaele, coordinato da Massimo Candiani, primario di Ginecologia e Ostetricia, e da Pietro Mortini, primario di Neurochirurgia, è entrato nel sacco amniotico attraverso un’unica e piccola incisione dell’utero e corretto la malformazione con strumenti di micro-neurochirurgia avanzatissimi, “unendo” le strutture anatomiche che non si erano congiunte a causa del difetto congenito.


Milano, spina bifida corretta in utero: "E' il primo intervento del genere in Europa"

L’ospedale San Raffaele

La mamma, una donna italiana alla 22esima settimana di gestazione, sta bene ed è stata già dimessa dall’ospedale. Sarà costantemente seguita e monitorata fino al momento del parto che auspicabilmente potrebbe avvenire intorno alla 38esima settimana.

 


http://www.repubblica.it/rss/scienze/rss2.0.xml

Leave a Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi