Minacce e insulti razzisti, patteggiano – Cronaca


(ANSA) – TORINO, 29 MAG – “State zitti marocchini di m…”,
“puzzate”, “veniamo su e vi facciamo un buco in fronte”. Erano
anche di questo tenore le minacce e gli insulti che una coppia
di italiani aveva rivolto a una vicina di casa e al suo bimbo di
6 anni. La storia è arrivata al vaglio del tribunale di Torino,
dove i coniugi (lui di 54 e lei di 59 anni) hanno patteggiato
sei mesi di reclusione: entrambi dovevano rispondere di atti
persecutori aggravati dall’odio razziale.
   
Gli episodi contestati dal pm Elisa Pazè si sono svolti
dall’ottobre del 2017 al dicembre del 2018 in un condominio nel
quartiere Mirafiori. La donna di origine marocchina, intimorita
e preoccupata dall’atteggiamento sempre più minaccioso dei
vicini, si era rivolta alla polizia.
   
I due italiani, in tribunale, si sono scusati per il loro
comportamento: “Erano sorti degli screzi e abbiamo alzato i
toni, ma non siamo razzisti”. Entrambi verseranno alla parte
lesa un indennizzo di 1.500 euro.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA


Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi