Morti roghi ex discarica:’reati attuali’ – Cronaca


(ANSA) – BARI, 23 NOV – L’insorgenza di nuove diagnosi di
neoplasia della popolazione residente nell’immobile di via
Archimede 16 è “attuale e continua”. “Se si può ritenere che il
reato di disastro ambientale sia ormai estinto per prescrizione,
è invece pacifico che la consumazione dei reati di morte come
conseguenza di altro reato, lesioni e omicidio colposo, si
realizza al momento dell’insorgenza della malattia, in caso di
lesioni, o alla data della morte, per l’omicidio colposo”. Ne
consegue che anche se sono trascorsi ormai trent’anni da quel
disastro ambientale, i reati sono ancora perseguibili. Con
queste motivazioni alcune delle famiglie delle vittime della
palazzina di via Archimede 16, nel quartiere Japigia di Bari, si
oppongono alla richiesta di archiviazione avanzata dalla Procura
al termine dell’indagine sui decessi per neoplasie causate dai
roghi della ex discarica comunale di via Caldarola. Le famiglie,
assistite dall’avvocato Michele Laforgia, chiedono quindi nuove
indagini.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA



TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE:









https://www.ansa.it/sito/notizie/cronaca/cronaca_rss.xml

Leave a Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi