Mostre, il rock all’Est e la repressione – Arte


(ANSA) – MILANO, 23 OTT – Il rock è stato uno degli emblemi
della controcultura e della ribellione giovanile, della
resistenza alle restrizioni della libertà di pensiero in
Occidente, e ancor di più nell’Est comunista, dove la
repressione, schiacciando ogni diritto umano, è stata portata a
tutti i livelli e in modo sanguinoso ma non ha potuto impedire
l’avvento di una nuova epoca.
   
L’intreccio tra libertà, rivolte sociali e cultura del rock è al
centro della mostra “Quando infuriava il rock. Il ’68 all’est.
   
Dissenso e controcultura”, che è stata inaugurata oggi
nell’Atrio dell’aula magna dell’Università statale di Milano.
   
Una ricerca inedita a cura di Carla Tonini, docente di Storia
dell’Europa orientale all’Università di Bologna e con il
progetto grafico di Martino Gasparini. La mostra, che resterà
esposta fino al 27 ottobre, “offre un quadro dell’opposizione
culturale nell’Europa dell’Est e delle forme del dissenso nel
blocco sovietico nel corso degli anni ’60” spiegano gli
organizzatori.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA










https://www.ansa.it/sito/notizie/cultura/cultura_rss.xml

Leave a Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi