Musk: “Hyperloop, primo tunnel pronto: corse gratis a dicembre”


GROSSE novità in arrivo dal sempre turbolento fronte Elon Musk. Il vulcanico fondatore di SpaceX, di Tesla e alfiere della tecnologia antitraffico Hyperloop ha annunciato – via Twitter, come ti sbagli – un paio di novità. Una ruota fra il serio e il faceto. L’altra, invece, appare ben più concreta: il 10 dicembre prossimo inaugurerà il primo tunnel di test della sua Boring Company, la società dotata delle maxitalpe escavatrici che in diverse aree di sperimentazione stanno appunto preparando i tunnel dove transiteranno le capsule superveloci per attraversare le congestionate città del mondo.

Il giorno seguente i passeggeri potranno fare una prova gratuita sfrecciando fino a 250 km/h con partenza dal quartier generale di SpaceX ad Hawthorne, in California, a due passi da Los Angeles e dall’aeroporto internazionale della città. Certo non i 1.220 all’ora e oltre previsti nei piani originari. Ma qualcosa si muove.
 

•LA CORSA AL TRENO SUPERVELOCE
“Il primo tunnel è quasi ultimato” ha spiegato il 47enne inventore e imprenditore sul social dell’uccellino. “Aprirà il 10 dicembre”. “Tempi reali o tempi di Musk?” gli ha chiesto un utente. “Tempi reali”, ha assicurato il capo di Tesla che vuole rivoluzionare la mobilità cittadina con questa ragnatela sotterranea di capsule e piattaforme superveloci in grado di trasportare le automobili e, nelle prime fasi, pedoni e ciclisti. Molte altre società in tutto il mondo stanno sviluppando il medesimo concept di un sistema di trasporto supersonico a levitazione magnetica rispolverato da Musk ormai nel 2012. Da Hyperloop Transportation Technologies a Hyperloop One fino alla canadese TransPod.
 

in riproduzione….

•CAPSULE A PIU’ DI 1000 KM/H
L’infrastruttura di Hyperloop, almeno in linea teorica, sarà formata da due tunnel d’acciaio a bassa pressione, uno per ogni direzione, sollevati da piloni di cemento o appunto, come in questo caso di test, scavati nel sottosuolo. I “pod” di alluminio contenenti persone, merci o veicoli, grazie alla levitazione magnetica, sfrecceranno fino a velocità superiori a quelle aeree (anche 1.223 chilometri orari) spinte da un getto di aria compressa.
 

•TESLA: CANI (SICURI) A BORDO
L’altra novità riguarda invece le auto elettriche di Tesla. Non si sa quanto ironicamente, alla domanda di un utente sulla possibilità di implementare una “modalità cane” ai sistemi dei suoi veicoli Musk ha risposto con un semplice “sì”. Ma cosa si intende per “dog mode” sulla Tesla Model 3? Più o meno una situazione in cui, lasciando il cagnolino all’interno, parta automaticamente un po’ di musica adeguata, il climatizzatore resti in funzione per evitare il surriscaldamento dell’abitacolo e una scritta sul display mostri una sorta di rassicurazione ai passanti preoccupati rispetto alla sorte del cucciolo “abbandonato” in auto: “Sto bene e il mio padrone tornerà presto”.

Noi non siamo un partito, non cerchiamo consenso, non viviamo di stipendi pubblici, ma stiamo in piedi grazie ai lettori che ogni mattina ci comprano in edicola, guardano il nostro sito o si abbonano a Rep:.
Se vi interessa continuare ad ascoltare un’altra campana, magari imperfetta e certi giorni irritante, continuate a farlo con convinzione.

Mario Calabresi
Sostieni il giornalismo
Abbonati a Repubblica




http://www.repubblica.it/rss/scienze/rss2.0.xml

Leave a Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi