Mutilazione genitale su figlie, condanna – Cronaca


(ANSA) – TORINO, 30 OTT – Una donna di origine egiziana,
residente a Torino, è stata condannata oggi in tribunale a due
anni e due mesi di reclusione per mutilazione genitale nei
confronti delle due figlie. La sentenza è del giudice Luca
Fidelio. E’ stato applicato il reato di “pratiche di mutilazione
degli organi genitali femminili” introdotto nel codice penale
nel 2012. Il marito dell’imputata, assistito dall’avvocato
Maurizio Cossa, è stato assolto.
   
Secondo il pm Dionigi Tibone le mutilazioni furono eseguite
in Egitto nel 2007. L’imputata – difesa dall’avvocato Guido
Savio – dovrà pagare una provvisionale alla figlia minorenne,
parte civile con l’avvocato Emanuela Martina; l’altra figlia,
che da poco è diventata maggiorenne non si è costituita.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA










https://www.ansa.it/sito/notizie/cronaca/cronaca_rss.xml

Leave a Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi