Naufragio bambini, 10/6 udienza Gip – Cronaca


(ANSA) – ROMA, 15 APR – Nella “strage dei bambini”, il naufragio
di un peschereccio con a bordo 480 siriani avvenuto nel
mediterraneo l’11 ottobre del 2013, in cui ci furono 268
vittime, di cui 60 bambini, Wahid Hasan Yousef, cardiochirurgo
curdo siriano perse 4 figlie: di due, cinque, sette e dieci
anni. Lui e la moglie si salvarono. Ora si trova in Italia
insieme ad altri sopravvissuti e familiari delle vittime perché
il 10 giugno a Roma ci sarà l’udienza preliminare ed il Gup
dovrà decidere se rinviare a giudizio Luca Lucciardi, ufficiale
della Marina responsabile della Sala Operativa e di Leopoldo
Nanna, capo della Centrale Operativa della Guardia Costiera.
   
Sono indagati per omicidio colposo plurimo per aver
colpevolmente ritardato l’intervento della nave militare
italiana Libra. Licciardi è indagato anche per rifiuto di atti
d’ufficio. I sopravvissuti si augurano che si svolga il processo
e chiederanno di costituirsi parte civile. Nell’attesa alcune
delle famiglie mercoledì saranno ricevuto dal Papa nell’udienza
generale.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA


Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi