Nel 2019 Mater(i)a si fa P(i)etra – Arte


(ANSA) – MATERA, 23 GEN – Nel 2019 – anno da Capitale europea
della Cultura – nella Città dei Sassi si potrà fare un lungo
viaggio nel tempo e nello spazio, partendo da Matera e
arrivando, attraverso gli scatti di Carlos Solito, fino a Petra,
in Giordania: due città, patrimonio dell’Umanità, scolpite nella
roccia dove le storie degli uomini si intrecciano con quelle dei
luoghi. La mostra “Mater(i)a P(i)etra” è stata allestita nella
Sala Levi di Palazzo Lanfranchi e sarà visitabile fino al
prossimo 17 marzo.
   
Sono 80 le fotografie – divise in 40 coppie – che il
fotografo, regista e scrittore spagnolo ha scattato lo scorso
anno, creando così l’accostamento tra due città millenarie. Ma
non solo. Solito si è “spinto” anche in altre zone del Materano:
dal Metapontino all’area dei Calanchi, dalle rovine del castello
di Uggiano di Ferrandina a quelle di Craco, “il paese fantasma”.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA



TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE:








https://www.ansa.it/sito/notizie/cultura/cultura_rss.xml

Leave a Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi