‘Nell’hotspot di Lampedusa situazione insostenibile’ – Cronaca


 “Su invito del Forum Lampedusa Solidale questa mattina con l’avv. Alessandra Ballerini ho visitato l’hotspot di Lampedusa. L’ispezione è stata sollecitata dai cittadini lampedusani, preoccupati dalla tensione causata dall’inspiegabile protrarsi della permanenza di decine di giovani tunisini all’interno del centro di Contrada Imbriacola, così come più volte denunciato dal sindaco Salvatore Martello.
    La situazione dentro e fuori il centro è assolutamente insostenibile”. Lo dice il senatore Gregorio De Falco (gruppo Misto).

    “All’interno – informa De Falco – 182 persone (tra cui 7 donne e 21 minori) sono costrette da giorni e giorni a vivere in condizioni degradanti, in spazi destinati ad un massimo di 96 persone. Alcune di loro sono giunte sull’isola il 10 agosto scorso. L’ente gestore non è in grado di far fronte ai bisogni primari di questi individui: non ci sono i kit completi per l’igiene per tutti i presenti, i telefoni pubblici non funzionano. I pasti vengono consumati all’aperto perché mancano zone destinate alla mensa e alla socialità, mentre cani randagi e malati si aggirano all’interno del centro. I tunisini vivono una situazione di forte ansia perché perfettamente consapevoli del rischio di essere rimpatriati e ciò provoca nervosismo e tensione che aumentano col prolungarsi della loro permanenza sull’isola”.

    “Non si può chiedere a quest’isola che vive di turismo – spiega il senatore – di farsi carico proprio in questo periodo di errori e responsabilità che sono esclusivamente da addebitarsi al nostro governo che ha letteralmente abbandonato Lampedusa e cancellato i suoi bisogni dall’agenda politica.
    Chiedo al presidente del Consiglio e al ministro dell’Interno di provvedere immediatamente con qualsiasi mezzo al trasferimento di tutti i migranti ristretti all’interno dell’hotspot in una situazione degradante”.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA


Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi