Omicidio Gavorrano: gip conferma carcere – Cronaca


(ANSA) – GROSSETO, 16 AGO – Rimane in carcere Mirko Meozzi,
45enne di Scarlino (Grosseto) accusato di omicidio volontario e
tentato omicidio per l’agguato nel bosco di Gavorrano dove ci
sono stati un morto e un ferito grave il 12 agosto. Lo ha deciso
il gip Sergio Compagnucci dopo l’interrogatorio di garanzia. Il
gip ha convalidato il fermo.
   
Il 45enne, difeso dagli avvocati Roberto Cerboni e Francesca
Fusco, ha risposto nell’interrogatorio dando la sua versione dei
fatti ma non ha confessato l’omicidio. I difensori avevano
chiesto i domiciliari, negati però dal gip. “Il mio cliente ha
risposto al giudice – spiega l’avvocato Roberto Cerboni – ma non
ha confessato alcun delitto. La situazione è delicata, serve
fare ulteriori riscontri” ed “è emotivamente provato, lui in
quel posto c’era e ciò cui ha assistito lo ha segnato”. Inoltre,
aggiunge, “bisogna considerare la delicatezza della sua
posizione riguardo alla sua incolumità” riferendosi alla
eventuale presenza nel penitenziario di connazionali delle
vittime.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA


Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi