Open Arms: Hikma 18 anni, torturata per 3 anni in Libia – Cronaca


“Sono stata tre anni in Libia, un anno e 4 mesi in prigione e un anno e sei mesi chiusa in un magazzino. Lì è terribile, mi hanno torturata, calci e pugni. I libici sono pazzi, è un posto pericoloso”. Occhi nerissimi e sorriso splendido, Hikma, etiope di 18 anni, racconta la sua terribile storia. Ora è a Lampedusa, nell’hotspot in attesa di partire. Era tra i 13 naufraghi sbarcati dalla Open Arms quattro giorni fa per motivi di salute. “Finalmente libera, voglio andare a Roma per proseguire gli studi”, dice.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA


Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi