Piano sicurezza, oltre 3mila fuori casa – Cronaca


(ANSA) – GENOVA, 16 GIU – Oltre 3.100 residenti che dovranno
lasciate temporaneamente casa, una ‘red zone’ a 250 metri (che
dovrà essere completamente sfollata) e a 300 metri (estensione a
scopo cautelativo con rimozione di ogni tipo di veicolo fino a
cessate esigenze) dal punto dell’esplosione, una terza fascia
tra i 300 e i 400 metri interdetta al traffico veicolare, 8
punti di accoglienza, trasferimento volontario in altre
strutture di persone anziane, donne incinte, persone con
invalidità temporanee. E’ capillare il piano di sicurezza della
struttura commissariale previsto per il giorno in cui le
microcariche di esplosivo faranno saltare le pile 10 e 11
dell’ex viadotto Morandi. Per adesso è confermata la ‘best
option’ del sindaco Marco Bucci per il giorno dell’esplosione:
il 24 giugno, tra le 10 e le 11. Per le persone che
abbandoneranno temporaneamente casa sono stati allestiti punti
di accoglienza al coperto. Ogni nucleo familiare avrà il suo di
riferimento. Predisposto da Amt anche un sistema di trasporto
pubblico ad hoc.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA


Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi