PlayStation Classic, ecco i 20 giochi: ci sono Tekken 3, Gta e Final Fantasy


L’ANNUNCIO era arrivato qualche settimana fa: la PlayStation delle origini tornerà dall’inizio di dicembre, in tempo per i regali di Natale, a rispolverare nostalgie e ricordi di chi è cresciuto negli anni Novanta e a tentare di affascinare nuovi adepti. Magari i figli o i nipoti. Lo farà con una versione ridotta, la PlayStation Classic, il 45% più piccola rispetto alla prima console Sony dal design inconfondibile lanciata sul mercato fra 1994 e 1995. La miniconsole, che si allinea di diritto nel sempre più popoloso filone del retrogaming, arriverà con una ventina di giochi precaricati. La casa giapponese ha ufficializzato l’elenco.
 
•I TITOLI DISPONIBILI
Dentro ci saranno Battle Arena Toshinden, Cool Boarders 2, Destruction Derby, il mitico Final Fantasy VII, un caposaldo come Grand Theft Auto, Intelligent Qube, Jumping Flash!, la creatura di Hideo Kojima Metal Gear Solid. E ancora Mr. Driller, Oddworld: Abe’s Oddysee, Rayman, Resident Evil Director’s Cut, Revelations: Persona, Ridge Racer Type 4, Super Puzzle Fighter II Turbo, Syphon Filte, l’amatissimo Tekken 3 che sbarcò su PS nel 1998, Tom Clancy’s Rainbow Six, Twisted Metal e Wild Arms.
 
Per il resto, PlayStation Classic – che si affianca a progetti dal simile sapore vintage come Nes e SuperNintendo Classic Mini di Nintendo, Neo Geo Mini e Sega Mega Drive Mini, il cui lancio è stato rinviato all’anno prossimo – non deluderà. La sorpresa è insomma garantita: confezione e design saranno appunto gli stessi. E nella scatola saranno inclusi due controller, un cavo Hdmi per il collegamento al tv e ovviamente quello per l’alimentazione. Classic costerà 99,99 euro, un prezzo a metà fra la chicca per l’ex amante (che tuttavia potrebbe soffrire per qualche assenza come Crash Bandocoot o Spyro) e qualcosa di più. Qualche altro titolo potrebbe comunque aggiungersi prima del lancio sul mercato, previsto in Giappone, Nord America, Europa, Australia e Nuova Zelanda.

Noi non siamo un partito, non cerchiamo consenso, non riceviamo finanziamenti pubblici, ma stiamo in piedi grazie ai lettori che ogni mattina ci comprano in edicola, guardano il nostro sito o si abbonano a Rep:.
Se vi interessa continuare ad ascoltare un’altra campana, magari imperfetta e certi giorni irritante, continuate a farlo con convinzione.

Mario Calabresi
Sostieni il giornalismo
Abbonati a Repubblica


http://www.repubblica.it/rss/tecnologia/rss2.0.xml

Leave a Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi