Primo volo per Smart Dragon-1, il razzo spaziale cinese da trasporto



Il nuovo razzo vettore cinese a combustibile solido Smart Dragon-1 (SD-1), progettato per uso commerciale, ha compiuto oggi il suo volo inaugurale, portando in orbita tre satelliti. Il razzo, sviluppato dalla China Rocket Co. Ltd., affiliata alla China Academy of Launch Vehicle Technology (CALVT), è partito dal Jiuquan Satellite Launch Center, nel nordovest della Cina, alle 12:11 (ora di Pechino). I tre satelliti, sviluppati da altrettante società con sede a Pechino, saranno utilizzati per i servizi di telerilevamento, comunicazione e Internet delle cose.

A differenza dei vettore della famiglia Lunga Marcia, la nuova serie Dragon è stata progettata per l’attività commerciale per soddisfare la domanda del mercato del lancio di piccoli satelliti commerciali, ha dichiarato Wang Xiaojun, responsabile della CALVT. L’SD-1, con una lunghezza totale di 19,5 metri, un diametro di 1,2 metri e un peso al decollo di circa 23,1 tonnellate, è un piccolo razzo a propellente solido in grado di inviare carichi utili di 200 chili in orbita solare sincrona ad un’altitudine di 500 chilometri.

“Ha la più alta efficienza di trasporto tra gli attuali razzi commerciali cinesi a propellente solido”, spiega Gong Min, direttore tecnico del progetto SD-1. Sono stati necessari meno di 18 mesi per sviluppare l’SD-1: un record per la Cina. Secondo Gong, sono utilizzate tecnologie intelligenti per analizzare i dati del razzo, che contribuiranno a migliorarne l’efficienza e la precisione. I progettisti dell’SD-1 hanno compiuto sforzi per abbassare i costi e migliorare l’efficienza e l’affidabilità del razzo, dice Tang Yagang, presidente della China Rocket Co. Ltd. Un razzo di questo tipo può essere prodotto in sei mesi dalla stipula di accordi commerciali con i clienti. Dopo che il razzo viene trasportato al centro di lancio, il decollo può essere completato in 24 ore.

“I lanci commerciali avranno un vasto mercato in campi come la comunicazione mobile internet a bassa orbita terrestre e il telerilevamento”. Lo afferma il dirigente. L’azienda prevede di completare cinque lanci di SD-1 entro la fine del 2020. Il presidente aggiunge che, oltre ai razzi vettori a propellente solido Smart Dragon, CALVT svilupperà anche razzi commerciali a propellente liquido, con un una maggiore capacità di carico.

La Cina ha testato con successo la tecnologia in grado di controllare accuratamente la caduta dei resti dei razzi durante un lancio il 26 luglio, che ha gettato le basi per lo sviluppo di razzi da trasporto riutilizzabili, che, assicura Tang “dovrebbero essere realizzati nei prossimi due o tre anni”. La Cina ha accelerato lo sviluppo dell’industria spaziale commerciale. Il capitale sociale e le aziende private sono incoraggiati a contribuire a promuovere la tecnologia spaziale cinese attraverso l’innovazione.


“La Repubblica si batterà sempre in difesa della libertà di informazione, per i suoi lettori e per tutti coloro che hanno a cuore i principi della democrazia e della convivenza civile”

Carlo Verdelli
ABBONATI A REPUBBLICA


http://www.repubblica.it/rss/scienze/rss2.0.xml

Leave a Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi