Quanto inquinano le navi da crociera? Promosse solo due su 80


SOLO due navi da crociera su oltre 80 censite utilizzano sistemi efficaci per ridurre lo smog e praticamente tutte sono responsabili di emissioni “enormi di gas serra”. Lo dichiara l’associazione tedesca Nabu presentando la sua classifica annuale sulle emissioni e l’inquinamento da navi da crociera, rilanciata da Cittadini per l’Aria.

Il limite delle navi da crociera dal punto di vista ambientale è che sono per la maggior parte alimentate con carburanti fossili che producono emissioni climalteranti e inquinanti mentre pochissime utilizzano sistemi di abbattimento dei fumi. Nella valutazione di Nabu, solo una nave del gruppo tedesco Aida e una del gruppo italiano Costa sono segnalate come esempi virtuosi per l’abbattimento dei fumi inquinanti. Ma, osserva l’associazione, utilizzano come combustibile il gas naturale liquefatto il cui processo di estrazione “danneggia fortemente l’ambiente oltre a rilasciare metano in atmosfera, un gas che ha un potente effetto serra”.

“I giganti del settore come MSC e Royal Caribbean – sottolinea una nota di Cittadini per l’aria – restano purtroppo in fondo alla classifica, dimostrando come ci sia ancora molto da fare per ‘ripulire’ il settore delle navi da crociera”. La campagna “Facciamo respirare il Mediterraneo” chiede l’istituzione di un’area a basse emissioni (Eca) nel Mar Mediterraneo. Un progetto sostenuto, oltre all’Italia, anche da Francia e Spagna.

 


“La Repubblica si batterà sempre in difesa della libertà di informazione, per i suoi lettori e per tutti coloro che hanno a cuore i principi della democrazia e della convivenza civile”

Carlo Verdelli
ABBONATI A REPUBBLICA


http://www.repubblica.it/rss/ambiente/rss2.0.xml

Leave a Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi