Roma, Di Francesco: ”Alti e bassi mi tormentano, voglio la cattiveria”



ROMA – “Troppi alti e bassi, questa cosa mi tormenta”. Eusebio Di Francesco, alla vigilia della sfida di Champions contro il Cska Mosca, ammette che l’umore in casa giallorossa non è dei migliori dopo il brutto ko di sabato contro la Spal ma vede nella partita contro i russi – che a sorpresa guidano il gruppo G – la possibilità del riscatto: “Abbiamo una grande fortuna, giocare una gara importante e cercare di tornare a vincere. Non c’è tempo di fare chiacchiere. Dobbiamo rimettere in campo la cattiveria”.

KOLAROV E DE ROSSI – A Di Francesco non è piaciuta l’assenza di grinta nell’ultimo di turno di campionato. In Europa non si può sbagliare: “Serve ricostruire a livello mentale determinate cose più che lavorare fisicamente sulla partita. Dobbiamo ritrovare una situazione di positività, troppo spesso usciamo dalla partita, la squadra deve avere la forza per dare continuità alle sue prestazioni. Abbiamo dimostrato nel primo tempo di essere superiori alla Spal e dovevamo approfittarne”.
Una mano potrebbero darla due leader come De Rossi e Kolarov, entrambi dovrebbero essere arruolabili, così come Schick: “Penso di poterli recuperare tutti. Se saranno a posto Kolarov e De Rossi saranno della partita mentre Patrik ha avuto un piccolo problema muscolare ma sarà comunque a disposizione. Sottovalutare gli impegni? Lo reputo assurdo. L’obiettivo del campionato è fare il meglio possibile e andare in Champions, siamo ancora alla nona giornata ma è chiaro che non possiamo permetterci gli errori che facciamo adesso”.

“DZEKO DEVE ESSERE PROTAGONISTA” – L’ex tecnico del Sassuolo fa poi il punto sulla formazione: “Per El Shaarawy c’è sempre un ballottaggio con Kluivert. Stephan in carriera non ha avuto grande continuità, ma contro la Spal nella prima mezz’ora stava giocando molto bene. Da lui ci aspettiamo sempre quel salto di qualità definitivo”. Chiusura su Dzeko: “Nessuno di noi è contento ma Edin deve essere uno dei nostri protagonisti”.

FAZIO: “DOPPIA SFIDA DECISIVA” – In conferenza stampa anche Federico Fazio: “Dobbiamo pensare alla partita di domani per vincerla. Queste due partite contro il Cska sono fondamentali per passare il girone. La cosa importante è il nostro approccio alla gara, lavorare al meglio per affrontarla bene. C’è una frase spagnola: “Non dare lezioni, ma dare esempi”, ed è quello che facciamo tutti quelli che hanno più esperienza nella squadra. Errori difensivi? Noi pensiamo alla squadra come un blocco. Dobbiamo migliorare e non solo in difesa”. Ora però non si può più sbagliare.


Noi non siamo un partito, non cerchiamo consenso, non viviamo di stipendi pubblici, ma stiamo in piedi grazie ai lettori che ogni mattina ci comprano in edicola, guardano il nostro sito o si abbonano a Rep:.
Se vi interessa continuare ad ascoltare un’altra campana, magari imperfetta e certi giorni irritante, continuate a farlo con convinzione.

Mario Calabresi
Sostieni il giornalismo
Abbonati a Repubblica




http://www.repubblica.it/rss/sport/rss2.0.xml

Leave a Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi