Salvini attacca Malagò: “Occorre cambiare anche nello sport, più soldi alla base”


ROMA – “La politica fa la politica, lo sport fa lo sport. Dare del fascista o del razzista aqualcuno significa non avere argomenti ed essere alla canna del gas e mi spiace per questo nervosismo”. Matteo Salvini intervenendo a ‘Non è l’Arena’ di Massimo Giletti su La7 risponde a Giovanni Malagò sulla riforma del Coni che il governo vuole varare. “Se tante parti dello sport si lamentano – continua Salvini – occorre il cambiamento anche lì, non solo al governo”.

“Ma a differenza di tanti altri, io non insulto – ha detto ancora il ministro degli Interni – io faccio il mio, e auguro a tutto lo sport di ritrovare l’anima che aveva. Nel mondo dorato dei palazzi dello sport, dove ci sono stipendi da centinaia di milioni di euro, devono ricordarsi che lo sport non è solo la serie A ma lo sport è l’atletica, la pallavolo. Insomma, più soldi allo sport di base”.

Salvini ha anche parlato via telefono dell’arbitro Riccardo Bernardini, 24 anni, di Ciampino, picchiato selvaggiamente domenica scorsa fuori dagli spogliatoi del ‘Francesca Gianni’ a San Basilio. “Mando un abbraccio alla madre di Riccardo, e spero di conoscere presto il figlio, non appena sarà più tranquillo – ha detto-. Posso dire alla madre che, nella sfortuna, sarà proprio Riccardo a farsi carico di affrontare un problema che per troppi anni è stato lasciato irrisolto. Suo figlio darà una mano a tanti altri Riccardo che potranno arbitrare in libertà”. Poi Salvini ha ricordato che “nel decreto sicurezza ho inserito la norma che siano le società di calcio, che pagano milioni di euro ai calciatori, a farsi carico del costo del servizio d’ordine perché non deve essere a carico di tutti gli italiani. E poi arriverà sui banchi di legge la norma che reintrodurrà l’educazione civica per i nostri studenti”.

MALAGO’: “NON HO DATO DEL FASCISTA A SALVINI” – “Le affermazioni del ministro Salvini non corrispondono al vero, mi dispiace, basta sentire l’audio: ci sono le registrazioni”. Il presidente del Coni Giovanni Malagò replica, via Ansa, al ministro degli Interni. “Ho solo detto in lungo discorso che in 150 anni di storia nessun governo, nemmeno quello fascista, aveva fatto questo al Coni. Se, gentilmente e senza voler fare polemiche, Salvini vorrà ascoltare l’audio vedrà che certe affermazioni non sono vere”.

 


Noi non siamo un partito, non cerchiamo consenso, non riceviamo finanziamenti pubblici, ma stiamo in piedi grazie ai lettori che ogni mattina ci comprano in edicola, guardano il nostro sito o si abbonano a Rep:.
Se vi interessa continuare ad ascoltare un’altra campana, magari imperfetta e certi giorni irritante, continuate a farlo con convinzione.

Mario Calabresi
Sostieni il giornalismo
Abbonati a Repubblica


http://www.repubblica.it/rss/sport/rss2.0.xml

Leave a Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi