Sardegna: domani negoziato prezzo latte – Cronaca


(ANSA) – CAGLIARI, 25 FEB – Con il risultato del voto per le
regionali ormai acquisito, domani riprende il negoziato sul
prezzo del latte di pecora, una vertenza che ha condizionato
fortemente la campagna elettorale in Sardegna. Il tavolo è stato
spostato da Roma a Sassari, con la nomina del prefetto Giuseppe
Marani a commissario della filiera lattiero-casearia. La tregua
promessa dai pastori per consentire il regolare svolgimento
delle elezioni, tutto sommato ha tenuto: alcune proteste ci sono
state, ma isolate, anche se in un caso si è alzato il tiro.
   
E’ successo ieri a Orune, in provincia di Nuoro, dove due
uomini armati e con il volto coperto hanno bloccato
un’autocisterna del latte, costringendo l’autista a scendere e a
sversare a terra tutto il contenuto che stava portando al
caseificio Pinna di Thiesi (Sassari), uno dei più importanti
dell’isola. E’ stato il primo assalto armato con i fucili in
Sardegna da quando è iniziata la protesta degli allevatori.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA


Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi