Scade copyright per giganti del ‘900 – Libri


(ANSA) – NEW YORK, 30 DIC – Nuova vita nel 2019 per molti
giganti della creatività del Novecento: il prossimo Capodanno i
libri di celebri autori, da Thomas Mann a Marcel Proust, Agatha
Christie e D.H. Lawrence, ma anche “I Dieci Comandamenti” di
Cecil B. DeMille, “Il Pellegrino” di Charlie Chaplin e le
composizioni di Bela Bartok, entreranno nel pubblico dominio. Un
terremoto per il mondo dell’editoria, perché permetterà, tra
l’altro, di creare nuove opere basate sui classici senza che i
nuovi autori diventino bersaglio di cause legali per violazione
del copyright.
   
Tutto questo accadrà perché il primo gennaio scade una
proroga ventennale del copyright approvata nel 1998 dal
Congresso. La legge, battezzata dagli scettici “il Mickey Mouse
Protection Act” perché adottata dietro la lobbying della Disney
per tenere sotto diritti di autore fino al 2024 “Steamboat
Willie”, il primo film di Topolino, aveva allungato i termini
del copyright per le opere pubblicate tra 1923 a 1977 da 75 a 95
anni dalla pubblicazione.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA



TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE:









https://www.ansa.it/sito/notizie/cultura/cultura_rss.xml

Leave a Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi