SeaWatch:’tornare in Libia?Meglio morire – Cronaca


(ANSA) – ROMA, 17 GIU – “Piuttosto che tornare in Libia,
preferirei morire. Preferirei dare la mia vita ai pesci
piuttosto che essere nuovamente torturato”. Questa la
testimonianza di Hermann, uno degli stranieri salvati a bordo di
Sea Watch, che si trova nelle acque a sud di Lampedusa a sei
giorno dal soccorso senza avere l’autorizzazione a sbarcare.
   
“Vorrei chiedere a tutti – dice l’uomo in un ideo postato su
twitter dalla ong tedesca – una cosa semplice: chi non vorrebbe
essere libero nella sua vita? Chi vorrebbe soffrire per tutta la
sua vita?. Se oggi ci troviamo in questa situazione non è
perche’ noi vogliamo esserci, ma perchè ci siamo ritrovati”
“Vorrei- prosegue Hermann – inviare un messaggio al ministro
dell’Interno tedesco: per favore, pensi alle vite che stiamo
conducendo. Non è umano lasciare le persone morire in mare.
   
Coloro che ci aiutano, coloro che ci salvano, non sono
criminali: salvano le nostre vite. Ci pensi, siamo tutti figli
dello steso Dio, dovremmo vivere insieme come amici, come
fratelli”.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA


Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi