Sgarbi, crimine libri Cibotto al macero – Libri


(ANSA) – VENEZIA, 11 GEN – Il critico d’arte Vittorio Sgarbi,
dopo un’interrogazione parlamentare presentata a fine dicembre
al ministro per i beni culturali Alberto Bonisoli, ha presentato
una denuncia-querela ai carabinieri di Rovigo, corredata di
materiale fotografico, in merito alla vicenda dei libri gettati
al macero dall’Accademia dei Concordi, circa 67 quintali, parte
dei quali facevano parte del lascito di Gian Antonio Cibotto,
scrittore rodigino morto nel 2017. Al termine Sgarbi ha voluto
tenere una conferenza stampa assieme allo scrittore Giancarlo
Marinelli e all’editore e libraio Franco Caramanti. “E’ stato
commesso un crimine, un delitto contro la città, contro la
cultura, contro Cibotto – ha detto – . Quello che è accaduto a
Rovigo – ha ripetuto – è grave come l’assassinio Matteotti e
l’alluvione del Po, del 1951”.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA



TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE:








https://www.ansa.it/sito/notizie/cultura/cultura_rss.xml

Leave a Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi