Siberia, trovata la testa di un lupo dell’era glaciale


SEMBRAVA una testa di orso, così grande e ben conservata, ma si è rivelata essere quella di un lupo vissuto nell’era glaciale. A ritrovarla è stato Pavel Efimov, cittadino siberiano che l’anno scorso, scavando nei ghiacci a caccia di zanne d’avorio di mammut lungo le rive del fiume Tirekhtyakh in Yakutia, si è ritrovato per le mani il reperto poi donato all’Accademia delle Scienze della Repubblica di Sakha. Pelliccia, denti e persino parte del tessuto molle del cervello e altri resti del cranio perfettamenti conservati, grazie alle temperature sotto lo zero, hanno permesso agli studiosi di fare risalire i resti a 40mila anni fa. Quello che hanno analizzato sembra avere tutte le caratteristiche di un lupo adulto di circa 2-4 anni del Pleistocene. 

Per i ricercatori dell’Accademia la testa potrebbe sia raccontare nuovi dettagli sulla vita dei predatori di allora sia indicare la possibile presenza di uomini in quell’area, anche se quest’ultima possibilità è davvero remota. La testa è probabilmente mozzata a causa del ghiaccio, secondo gli scienziati, come già accaduto per altri ritrovamenti, ma ulteriori analisi serviranno ad escludere del tutto il fatto che possa essere opera di eventuali cacciatori. Per Albert Protopopov, paleontologo direttore del dipartimento, alcune parti del cranio sono più sviluppate rispetto ai lupi moderni e questa è “la prima volta che si trova la testa di un lupo adulto il cui tessuto molle è stato preservato per 40mila anni”.

LEGGI  Lupo e caribù vissuto 50mila anni fa: i resti in Canada

In passato altri animali, fra cui quattro cuccioli di lupo e cavalli, erano stati recuperati nella stessa area della Siberia ma nessuno così ben conservato grazie al permafrost. Un team di diversi scienziati siberiani, giapponesi e svedesi, sta ora ricostruendo un modello digitale del cervello e dell’interno del cranio per effettuare ulteriori studi e analizzare il Dna del lupo.

Secondo Protopopov, il riscaldamento globale nell’area siberiana sta accelerando lo scioglimento dei ghiacci ed è probabile che in futuro aumenterà il numero di scoperte di resti di animali dell’era glaciale.

La testa ritrovata in Siberia, lunga più di 40 centimetri, grazie all’ottimo stato di conservazione dei tessuti potrà essere “confrontata con i lupi dei nostri giorni per capire come la specie si è evoluta nel tempo. E ci aiuterà a ricostruiremo il suo aspetto”, spiega Protopopov. Per avere più informazioni e una ricostruzione dettagliata dell’animale ci vorrà però almeno un anno e mezzo di lavoro: il tempo necessario – secondo i ricercatori – per cercare di sequenziare l’intero genoma del lupo.


L’approfondimento quotidiano lo trovi su Rep: editoriali, analisi, interviste e reportage.
La selezione dei migliori articoli di Repubblica da leggere e ascoltare.

Rep Saperne di più è una tua scelta

Sostieni il giornalismo!
Abbonati a Repubblica




http://www.repubblica.it/rss/scienze/rss2.0.xml

Leave a Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi