Siria, Sandrini: 2 anni 8 mesi da incubo – Cronaca


(ANSA) – BRESCIA, 23 MAG – “Ringrazio le autorità italiane e
ringrazio l’Italia per avermi portato a casa dopo due anni e
otto mesi da incubo”. Sono state le parole rilasciate da
Alessandro Sandrini, il 34enne liberato in Siria e tornato a
Brescia giovedì mattina per andare ai domiciliari a casa della
madre in quanto accusato di rapina. “Avremo modo di parlare con
i giornalisti, adesso non è il momento” ha aggiunto Sandrini,
apparso in buone condizioni fisiche.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA


Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi