Spagna, crisi nera Real: 1-2 contro il Levante, Lopetegui al capolinea



MADRID – Notte fonda per il Real Madrid. Doveva essere la partita scaccia crisi e invece le merengues perdono clamorosamente 1-2 in casa contro il Levante. Non bastasse, i Blancos segnano anche il record negativo senza reti: addirittura 481 minuti – il peggiore della propria storia – prima che Marcelo non ha spezzato un digiuno di oltre 8 ore. Julen Lopetegui sempre più a rischio esonero, al suo posto in pole position c’è Antonio Conte.

CRISI NERA – L’inizio è da incubo per le merengues: il Levante infatti ci mette appena 6 minuti a sbloccare la gara con Jose Luis Morales, al 13′ il raddoppio realizzato da Roger Marti su rigore concesso con il Var dopo il mani di Varane. Il Santiago Bernabeu è attonito. Per il Real ci si mette anche la sfortuna: la traversa nega la rete a Mariano e, poco prima dell’intervallo, viene annullato un gol ad Asencio. Lopetegui si dispera in panchina, immaginando che la sua avventura stia arrivando al capolinea. Nella ripresa forcing disperato di Modric e compagni che al 27′ trovano finalmente la rete che spezza un digiuno di gol di oltre 8 ore: Marcelo fulmina Oier, il Real torna a segnare dopo 481 minuti (l’ultimo il 22 settembre contro l’Espayol), superata la striscia negativa della stagione 1984/85. Nel finale annullato il gol del possibile 2-2 a Mariano Diaz per fuorigioco. Per Lopetegui, già a rischio alla vigilia, è finita.

CONTE IN POLE – Difficile immaginare che martedì sera in Champions League contro il Viktoria Plzen sulla panchina del Bernabeu siederà ancora l’ex ct spagnolo. Troppo lunga la serie senza vittorie e soprattutto senza gol, l’addio di Cristiano Ronaldo non può più essere un alibi. E anche la scelta odierna di lasciare inizialmente in panchina Benzema, Bale e Kroos non sarà piaciuta a Florentino Perez. L’esonero insomma è dietro l’angolo, anche perché domenica prossima è in programma il “Clasico” al Camp Nou contro il Barcellona. Chi guiderà le merengues? In pole position c’è Antonio Conte, libero dopo l’esperienza al Chelsea e specialista nel risollevare big in crisi, che già nei giorni scorsi sarebbe stato contatto dalla dirigenza madrilena. L’annuncio potrebbe arrivare già nelle prossime ore.

Noi non siamo un partito, non cerchiamo consenso, non viviamo di stipendi pubblici, ma stiamo in piedi grazie ai lettori che ogni mattina ci comprano in edicola, guardano il nostro sito o si abbonano a Rep:.
Se vi interessa continuare ad ascoltare un’altra campana, magari imperfetta e certi giorni irritante, continuate a farlo con convinzione.

Mario Calabresi
Sostieni il giornalismo
Abbonati a Repubblica


http://www.repubblica.it/rss/sport/rss2.0.xml

Leave a Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi