Streaming 4K in mobilità e un doc per i turisti: i test 5G secondo Vodafone



ENTRI sul tram e vedi su un pannello video la partita di calcio in diretta a definizione 4K o un documentario che aiuta i turisti a scoprire le bellezze di quella città. È questa una delle sperimentazioni della rete 5G che i milanesi hanno già potuto provare, con Vodafone, in occasione della recente Digital Media Week. Qui i principali operatori (come anche Tim, Wind 3 e Fastweb) hanno fatto un punto sulle sperimentazioni in corso in giro per l’Italia, mostrando le demo di servizi innovativi. Vodafone ha fatto vedere qui per la prima volta sette progetti (dei 16 che ha avviato per mostrare le potenzialità del 5G); tra cui quello dei tram, che a differenza degli altri ha il vantaggio di permettere agli utenti di provare in prima persona questo scampolo di futuro. Anzi, di salirci sopra – trattandosi di un mezzo pubblico. Va sottolineato che si tratta, in tutti i casi presentati dagli operatori, di sperimentazioni. Non si sa quindi se e quando vedranno la luce. Tutto questo dipende dagli accordi commerciali che gli operatori faranno. Per ora hanno accordi di partnership valide solo per la sperimentazione – con Sky e con Atm (azienda trasporto pubblico milanese), nel caso in oggetto.

In generale, hanno chiarito che intendono lanciare il 5G non appena saranno pronti gli smartphone (i primi che supporteranno la nuova rete arriveranno in Italia tra inizi estate e fine anno, con Samsung, Huawei, Xiaomi e altre marche, mentre per l’iPhone si dovrà aspettare il 2020). Le sperimentazioni degli operatori dimostrano però il 5G è ben più di una nuova rete per gli smartphone, perché permetterà – come mai prima d’ora – alle reti di comunicazione di trasformare la nostra vita quotidiana, lavorativa e i sistemi pubblici. L’esempio di Sky sugli Atm è rappresentativo di ciò che potrebbe avvenire entro un anno o poco più.

Si potrebbe obiettare che ha poco senso vedere una serie tv sul tram, a monconi e in un ambiente rumoroso (“in tal modo sarà possibile ad esempio vivere le emozioni uniche di Gomorra – La Serie e del cooking show MasterChef”, si legge ad esempio nella nota di Vodafone), ma la sperimentazione non va presa alla lettera: serve solo a mostrare ciò che è possibile fare con il 5G, ossia grazie alle sue prerogative tecnologiche (altissima velocità, bassa latenza del segnale, alta affidabilità grazie alla possibilità di assegnare porzioni di rete a specifici servizi).
 
Le stesse caratteristiche che permetterebbero di vedere una partita in 4K in diretta o una serie tv su un mezzo in movimento consentono anche di sviluppare la medicina a distanza; di gestire in modo più intelligente vari sistemi cittadini (di trasporto, di raccolta dei rifiuti, delle reti elettriche e di illuminazione…) o agricolo-industriali (agricoltura di precisione, robotica avanzata…), come emerso dalle sperimentazioni di tutti gli operatori. A questo si può aggiungere anche la possibilità di avere connessioni banda ultra larga fisso-wireless a casa, con prestazioni simili alla fibra ottica, come mostrato a Milano da Fastweb in questi giorni.

Lo spirito della sperimentazione è quello di esplorare, insieme ai partner, quali sono le potenzialità del 5G, quali i nuovi servizi rilevanti per i cittadini e come si dovrà lavorare per portarli in campo”, conferma a Repubblica Sabrina Baggioni, 5G Program Director di Vodafone Italia. Nel caso della sperimentazione con Atm, “il mezzo pubblico si trasforma in un momento di comunicazione per i passeggeri con streaming di contenuti di intrattenimento e news quali quelli Sky, partner dello use case, ma potenzialmente domani anche informazioni di servizio”. “Con le tecnologie esistenti, pre 5G, si possono distribuire contenuti in diretta solo in bassa definizione. Per avere uno streaming in altissima definizione in tempo reale, diventa necessaria l’elevata banda e la bassa latenza del 5G”. Di seguito, gli altri progetti che Vodafone non aveva mai mostrato prima.
 
Sanità e Benessere
Robotica di servizio – progetto realizzato da Vodafone con IIT – Istituto Italiano di Tecnologia, IBM e l’IRCCS Ospedale San Raffaele. Si tratta di una soluzione di robotica di servizio con il robot umanoide R1 di IIT che, grazie alla tecnologia 5G e all’intelligenza artificiale di IBM, sarà in grado di interagire in modalità personalizzata con degenti e accompagnatori. R1 potrà interagire in molteplici ambiti, dalle informazioni per orientarsi all’interno delle strutture a forme di intrattenimento dei degenti con la lettura di libri e giornali. Inoltre, R1 potrà fornire assistenza nella definizione dei menù, raccogliendo le preferenze dei degenti.
 
Medical Cognitive Tutor
Progetto realizzato da Vodafone con IBM e Humanitas. Si tratta di una soluzione che consente agli studenti di medicina di imparare e di esercitarsi sul processo diagnostico tramite una piattaforma nata dalla collaborazione fra Humanitas University, l’Ospedale Humanitas e IBM e sviluppata con Vodafone rendendola disponibile sulla rete 5G. Grazie al 5G sarà possibile esercitarsi in mobilità, avendo tempi di latenza minimi dell’applicativo e visualizzando in alta definizione sia immagini radiologiche che video diagnostici per la formulazione della diagnosi finale.
 
Smart Energy e Smart City
Progetto realizzato da Vodafone con il Politecnico di Milano, Exprivia|Italtel e Prisma Telecom Testing con il supporto di Amazon Web Services. Si tratta di soluzioni prototipali dedicate alla raccolta differenziata (“Smart Bin”) e al monitoraggio dei flussi di persone (“Smart Gate”), entrambe progettate da Polifactory per l’utilizzo in aree delimitate ad elevata affluenza sia pubbliche (es. campus universitari, stazioni) sia private (es. edifici ad uso uffici). Lo Smart Bin sfrutta le potenzialità del 5G e dell’AI per aiutare le persone ad effettuare la raccolta differenziata in maniera automatica e veloce, mentre lo Smart Gate combina funzionalità di monitoraggio ambientale e di rilevamento dei flussi di persone per cluster con visualizzazione dei risultati.  
 
Manifattura e Industria 4.0
Automazione processi industriali e controllo remoto su cloud – progetto realizzato da Vodafone con Politecnico di Milano e Huawei. Si tratta di una soluzione di gestione avanzata dei processi negli impianti produttivi manifatturieri che si avvale di tecnologie di machine learning, con dati raccolti da sensori connessi in 5G per riconfigurare la linea di produzione in tempo reale riducendo i costi di manutenzione e il tempo di fermo impianto. Grazie al 5G, è possibile predisporre una connessione wireless installando una sensoristica poco invasiva e più rapida e flessibile in vista di successive riconfigurazioni di fabbrica rispetto alla realizzazione di nuovi cablaggi.
 
Manutenzione assistita con Realtà Aumentata
Progetto realizzato da Vodafone con Politecnico di Milano, Huawei e in collaborazione con Altran Italia. Si tratta di una soluzione di realtà aumentata in ambito industriale che consente operazioni di manutenzione più efficaci, veloci e sicure per l’operatore. Tramite l’utilizzo di visori a mani libere, che abilitano funzioni di Mixed Reality, è possibile fornire supporto real time all’operatore visualizzando in realtà aumentata modelli 3D o istruzioni relative alla riparazione o revisione da effettuare. Grazie al 5G è possibile avviare, in contemporanea, una videochiamata real time ad alta risoluzione che agevoli l’intervento di un esperto da remoto e per fornire contenuti in realtà aumentata a bassa latenza.
 
Droni per ispezioni industriali e sicurezza infrastrutturale
Progetto realizzato da Vodafone con Politecnico di Milano e Huawei e in collaborazione con Italdron. Si tratta di una soluzione che prevede l’utilizzo di droni per l’acquisizione di video e immagini ad altissima definizione per consentire l’ispezione in tempo reale di infrastrutture e la loro ricostruzione accurata in 3D. Grazie al 5G, è possibile acquisire video ed immagini ad alta risoluzione per le ricostruzioni 3D e garantire una comunicazione immediata e affidabile tra drone e pilota.
 
 


http://www.repubblica.it/rss/tecnologia/rss2.0.xml

Leave a Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi