Studioso, ho scoperto nuovo testo Dante – Libri


(ANSA) – VENEZIA, 17 OTT – La lettera che, nell’agosto del
1312, Cangrande della Scala, signore di Verona, inviò al novello
imperatore Enrico VII, “con altissima probabilità fu opera della
mente di Dante Alighieri”: l’intuizione è di Paolo Pellegrini,
docente di Filologia e linguistica italiana all’università di
Verona. La scoperta potrebbe non solo portare al pubblico un
nuovo scritto dantesco, che andrebbe ad arricchire il corpus
delle sue opere, ma dimostrerebbe che Dante rimase a Verona
molto più a lungo di quanto si pensasse, rendendo la città
scaligera la dimora in cui il Sommo Poeta soggiornò più a lungo,
dopo Firenze.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA










https://www.ansa.it/sito/notizie/cultura/cultura_rss.xml

Leave a Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi