Tennis, debutto ok di Djokovic a Bercy, Del Potro rinuncia alle Finals


PARIGI – Debutto con vittoria per Novak Djokovic al “Rolex Paris Masters”, ultimo “1000” della stagione, dotato di un montepremi pari a 4.872.105 dollari, in corso sul veloce indoor del Palais Omnisport di Parigi-Bercy, che chiude di fatto l’annata del circuito internazionale. Il campione serbo, testa di serie numero 2 e direttamente in corsa dal secondo turno, si è imposto per 7-5 6-1 sul qualificato portoghese Joao Sousa.

Anche Karen Khachanov è già agli ottavi di finale. Il tennista russo ha superato senza troppi problemi il lucky loser Matthew Ebden, costretto al ritiro per problemi fisici sul punteggio di 6-2 2-0. Superano il primo turno l’altro russo Medvedev (doppio 6-2 a Carreno Busta) e lo spagnolo Verdasco, che ha liquidato Chardy con un doppio 6-4. Fuori, un po’ a sorpresa, il greco Stefanos Tsitsipas: il numero 16 del ranking mondiale ha ceduto al bosniaco Damir Dzumhur, che avanza con il punteggio di 6-3 6-3 in un’ora e 11 minuti di gioco.

DEL POTRO RINUNCIA ALLE FINALS – In giornata è anche arrivato il prevedibile forfait di Juan Martin del Potro per le Atp Finals, in programma a Londra dall’11 al 18 novembre. L’argentinom numero 4 del ranking, non è ancora al meglio dopo la frattura della rotula destra patita nel torneo di Shanghai, durante il match con Borna Coric. Il rischio di un intervento chirurgico è stato scongiurato ma l’argentino non vuole forzare i tempi del rientro. Del Potro tornerà quindi in campo nel 2019, come riporta il quotidiano argentino La Nacion.

MERTENS OK A ZHUHAI – Anche il circuito femminile vive le ultime emozioni dell’anno. Elise Mertens ha superato agevolmente la prima avversaria del cosiddetto “Master B” di Zhuhai, in Cina. La tennista belga ha sconfitto con un netto 6-3 6-1 l’estone Anett Kontaveit sul veloce indoor del Tennis Centre nel match di apertura del Gruppo D del torneo. Successi anche per la bielorussa Sabalenka (6-4 6-4 all’australiana Ashleigh Barty) e per la russa Kasatkina, che ha avuto bisogno del terzo set per piegare la resistenza della cinese Wang (6-1 2-6 7-5).


Noi non siamo un partito, non cerchiamo consenso, non riceviamo finanziamenti pubblici, ma stiamo in piedi grazie ai lettori che ogni mattina ci comprano in edicola, guardano il nostro sito o si abbonano a Rep:.
Se vi interessa continuare ad ascoltare un’altra campana, magari imperfetta e certi giorni irritante, continuate a farlo con convinzione.

Mario Calabresi
Sostieni il giornalismo
Abbonati a Repubblica


http://www.repubblica.it/rss/sport/rss2.0.xml

Leave a Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi