Tensioni nel carcere di Saluzzo – Cronaca


(ANSA) – TORINO, 22 NOV – Alta tensione nel carcere di
Saluzzo (Cuneo), dove i detenuti protestano da alcuni giorni
perché, a causa dei lavori di ristrutturazione, vengono serviti
pasti non cucinati. Lo denuncia l’Osapp, Organizzazione
Sindacale Autonoma di Polizia penitenziaria, che parla di un
carcere “in completa balia di gruppi organizzati di reclusi”.
   
I reclusi, sostiene l’Osapp, hanno preso possesso della 3a
sezione, quella a regime aperto dove si trovano i detenuti
comuni, costringendo la polizia penitenziaria ad azionare
l’allarme e a chiudere la porta principale. Imbrattate la stessa
porta principale e le pareti, mentre ieri sera la protesta è
proseguita con la ‘battitura’ delle pentole contro le grate di
finestre e cancelli.
   
“Non è ammissibile che un carcere italiano sia di fatto in
completa balia dei reclusi – sostiene il segretario generale
dell’Osapp, Leo Beneduci – tanto da inscenare qualsiasi forma di
protesta. Il danno è consistente non solo per la polizia
penitenziaria ma per l’intera collettività”.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA



TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE:









https://www.ansa.it/sito/notizie/cronaca/cronaca_rss.xml

Leave a Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi