Terrore sul bus: studente eroe, così ho chiamato i carabinieri – Cronaca


“Eravamo tutti molto spaventati perché l’autista ha vuotato le taniche di benzina per terra, ci ha legato tutti e ha sequestrato i telefoni in modo che non chiamassimo la polizia. Uno dei telefoni, di un mio compagno, è caduto a terra. Allora mi sono tolto le ‘manette’, facendomi anche un po’ male, e sono andato a raccoglierlo e abbiamo chiamato i carabinieri e la polizia”. Così uno dei 51 ragazzi presenti sullo scuolabus dirottato dall’autista Ousseynou Sy ha raccontato in un’intervista a Repubblica.it come ha recuperato il cellulare per avvertire le forze dell’ordine.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA


Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi