Tottenham-Inter 1-0: Eriksen complica la strada dei nerazzurri



LONDRA – Tutto riaperto. Sarebbe bastato un pareggio per strappare con un turno d’anticipo il pass per gli ottavi di finale di Champions, invece l’Inter esce da Wembley sconfitta da un ottimo Tottenham. Nello storico impianto inglese finisce 1-0 per gli Spurs che agganciano i nerazzurri al secondo posto del gruppo B alle spalle del Barcellona e ora hanno dalla loro anche lo scontro diretto dopo che a San Siro all’andata era finita 2-1 per gli uomini di Spalletti. Il debutto in gare ufficiali nel teatro del calcio inglese è stato amaro per Icardi e compagni che hanno avuto il demerito di regalare un tempo agli avversari e crollare proprio quando sembrava che da un momento all’altro potesse arrivare il gol. Tutto rimandato alla prossima giornata quando gli inglesi andranno al Camp Nou e i nerazzurri ospiteranno il già eliminato Psv Eindhoven. Il calendario, quindi, può sorridere alla squadra italiana.

LE SCELTE DEI DUE TECNICI – Formazioni a specchio per Pochettino e Spalletti che scendono in campo entrambi col 4-2-3-1. Le novità maggiori sono nella formazione di casa dove il tecnico spagnolo lascia a sorpresa in panchina il talentuoso Eriksen preferendogli Lucas Moura. Riposo anche per Son con Lamela che vince il ballottaggio, mentre Winks va al fianco di Sissoko al posto di Dier, per il resto tutto confermato con Davies, Alderweireld, Vertonghen e Aurier in difesa e con Dele Alli alle spalle di Kane. Nell’Inter non ci sono novità rispetto alla vigilia con l’unico dubbio di Spalletti sciolto prima del match: De Vrij per Miranda. Per il resto tutto come sempre con Politano, Nainggolan e Perisic alle spalle di Icardi e con Vecino e Brozovic davanti alla difesa.

LA TRAVERSA SALVA L’INTER – Imponente l’impatto sulla partita del Tottenham che sin dalle prime battute di gara gioca interamente nella metà campo ospite con i nerazzurri che fanno muro davanti ad Handanovic. Gli Spurs si vedono subito con Kane che da posizione defilata prova a sorprendere il portiere interista trovando, però, l’ottima chiusura sul primo palo dello sloveno, pochi minuti più tardi Dele Alli scarica il destro da fuori col pallone che termina alto di poco. Alla mezz’ora contropiede inglese con Sissoko che va via a Brozovic nella propria trequarti, arriva ai 25 metri e la mette in mezzo per Kane, velo per l’accorrente Lucas Moura e destro che trova pronto il numero uno ospite. Al 39′ bellissima conclusione di Winks da fuori, la sfera supera Handanovic, ma si stampa sulla traversa.

BORJA VALERO ACCENDE I NERAZZURRI – L’ingresso di Borja Valero, subentrato a Nainggolan (affaticamento muscolare) alla fine del primo tempo, dà maggiore vivacità all’Inter che nella ripresa se la gioca a viso aperto rendendosi pericolosa in più occasioni. La prima palla gol, però, se la crea Kane con un destro dal limite centrale per Handanovic. Dall’altra parte Davies salva su una punizione destinata nello specchio da parte di Politano. Al quarto d’ora Spurs ancora pericolosi con Kane che, sugli sviluppi di un corner, manca la deviazione vincente sotto porta sulla sponda di Vertonghen. Sul fronte opposto è Skriniar a sfiorare il vantaggio a tu per tu con Lloris sempre su azione d’angolo.

ERIKSEN LI SPEGNE – L’Inter preme e Pochettino corre ai ripari: dentro la velocità di Son e la classe di Eriksen e per gli ospiti iniziano i guai. Al 32′ Lloris salva col guantone destro su un sinistro ravvicinato di Perisic, 3′ più tardi Sissoko semina il panico nella corsia di destra entra in area e serve al centro Dele Alli che di prima appoggia lateralmente per l’accorrente Eriksen che col piattone infila Handanovic. Inutile l’assalto finale nerazzurro con i padroni di casa che si chiudono a difendere il risultato: prima Lloris è bravo a deviare con i pugni un bel destro di D’Ambrosio dal limite, poi in pieno recupero Alderweireld col corpo respinge una bella girata al volo da fuori di Asamoah destinata in rete.
 
TOTTENHAM-INTER 0-1 (0-0)
TOTTENHAM (4-2-3-1): Lloris; Aurier, Alderweireld, Vertonghen, Davies; Winks (dal 42′ s.t. Dier), Sissoko; Lamela (dal 25′ s.t. Eriksen), Alli, Lucas (dal 17′ s.t. Son); Kane. (Gazzaniga, Rose, Walker-Peters, Llorente). All. Pochettino
INTER (4-2-3-1): Handanovic; D’Ambrosio, De Vrij (dal 37′ s.t. Miranda), Skriniar, Asamoah; Vecino, Brozovic; Politano (dal 38′ s.t. Keita), Nainggolan (dal 44′ p.t. Borja Valero), Perisic; Icardi. (Padelli, Ranocchia, Candreva, L. Martinez). All. Spalletti
ARBITRO: Cakir (Turchia)
MARCATORE: Eriksen al 35′ s.t.
NOTE: ammoniti Alderweireld, Lamela, De Vrij, Son, Borja Valero

Noi non siamo un partito, non cerchiamo consenso, non riceviamo finanziamenti pubblici, ma stiamo in piedi grazie ai lettori che ogni mattina ci comprano in edicola, guardano il nostro sito o si abbonano a Rep:.
Se vi interessa continuare ad ascoltare un’altra campana, magari imperfetta e certi giorni irritante, continuate a farlo con convinzione.

Mario Calabresi
Sostieni il giornalismo
Abbonati a Repubblica


http://www.repubblica.it/rss/sport/rss2.0.xml

Leave a Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi