Trilogia d’Autunno per Ravenna Festival – Teatro


(ANSA) – RAVENNA, 15 NOV – “Perché ancora una volta Verdi?
perché non basta mai!”: parola di Cristina Mazzavillani Muti,
alla regia per la Trilogia d’Autunno che chiude il 29/o Ravenna
Festival con un trittico di capolavori. Nabucco, Rigoletto e
Otello saranno in scena dal 23 novembre al 2 dicembre, in una
maratona lirica che indaga il genio di Giuseppe Verdi,
trasformando il Teatro Alighieri in una ‘fabbrica dell’opera’
capace di dare corpo e voce a tre momenti chiave del percorso
del compositore bussetano: “più affondi le mani nel suo teatro e
più ti accorgi della grandezza o, meglio, della compiutezza
della sua scrittura”.
   
Al servizio di questa avventura nell’universo verdiano le
invenzioni del team creativo, con le più moderne tecnologie, e
tre direttori d’orchestra che si alternano alla guida
dell’Orchestra Giovanile ‘Luigi Cherubini’: Pietro Borgonovo per
Nabucco, il giovane iraniano Hossein Pishkar – allievo della 3/a
edizione dell’Italian Opera Academy di Riccardo Muti – per
Rigoletto, Nicola Paszkowski per Otello.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA



TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE:









https://www.ansa.it/sito/notizie/cultura/cultura_rss.xml

Leave a Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi