Truffe a religiosi, 111 contestazioni – Cronaca


(ANSA) – TORINO, 21 GIU – Salgono a 111 le truffe e le
tentate truffe commesse dalla banda della ‘zia Ketty’, al secolo
Concettina Galizia, 38enne siciliana che da Torino guidava un
gruppo di giovani, tra cui il suo braccio destro Alfio
Cangelosi, 30enne di Moncalieri.
   
L’ultimo episodio risale a marzo, un raggiro con cui avevano
ottenuto 22mila euro dall’istituto salesiano Madonna dei laghi
di Avigliana: fingevano di aver bisogno di quella cifra per
poter erogare contributi pubblici. Le nuove accuse, una
cinquantina, sono state contestate dal sostituto procuratore
Paolo Scafi nel corso degli interrogatori a Galizia e a
Cangelosi.
   
La donna si è avvalsa della facoltà di non rispondere, mentre
l’uomo, difeso dall’avvocato Wilmer Perga, ha risposto alle
contestazioni. Galizia e Cangelosi erano stati arrestati insieme
ad altre due persone il 22 maggio scorso dai carabinieri del
comando provinciale di Torino e della compagnia Oltre Dora.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA


Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi