Uccisa ad Arezzo, cellulare sotto esame – Cronaca


(ANSA) – AREZZO, 28 AGO – Sotto esame i numeri di telefono
che hanno contattato sul cellulare Maria Aparecida Venancio de
Sousa, la 60enne brasiliana uccisa in casa ad Arezzo il 26
agosto. E’ uno degli impegni investigativi in corso della
polizia che, coordinata dal pm Chiara Pistolesi, sta cercando di
risalire all’assassino anche tramite il flusso di telefonate e
messaggi degli ultimi tempi prima dell’omicidio. Telefonate
fatte con il marito, con i parenti ma anche con i clienti che la
donna, nella sua attività di prostituta, riceveva
nell’appartamento di via Della Robbia dove è stata trovata
legata al letto e una lesione alla testa. “Quella palazzina ha
frequentazioni strane, ambigue, si sentono spesso grida specie
di notte, non ne possiamo più e abbiamo paura”. Così alcuni
residenti della strada parlando ai giornalisti e alla polizia,
che li ha sentiti come testimoni. Interrogato come testimone
anche il padrone di casa e la moglie, contattata dal marito
della vittima per sapere della 60enne che non gli rispondeva.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA


Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi