Udinese, Nicola: “Vittoria gratificante per i ragazzi e per l’ambiente”


UDINE – “Questa è una vittoria importante per i ragazzi e per l’ambiente”. Davide Nicola non poteva sperare in una partenza migliore sula panchina bianconera, il successo sulla Roma è una grande iniezione di fiducia per l’Udinese: “Abbiamo affrontato una squadra forte e batterla è davvero gratificante. Dovevamo giocare secondo determinati principi e lo abbiamo fatto con ordine, sono soddisfatto. La partita è stata impostata cercando di non pressarli alti perché i giallorossi sono bravi col possesso palla. Abbiamo scelto di non essere aggressivi. Abbiamo chiuso molti spazi e alla fine sono state decisive le transizioni. Ci troviamo in una situazione dalla quale bisogna uscire e possiamo farlo anche con diversi atteggiamenti in base al contesto”.

DE PAUL HA INTELLIGENZA TATTICA, SONO CONTENTO DELLA PARTECIPAZIONE DEL GRUPPO – Nicola ringrazia De Paul, non solo per il bel gol con cui ha deciso la partita: “Dopo aver segnato Rodrigo si è alzato immediatamente perché ho parlato con i ragazzi e ho suggerito loro di posizionarsi velocemente e di non protestare con l’arbitro o fermarsi per altri motivi. Ha intelligenza tattica negli smarcamenti preventivi e capacità di tenere alta intensità nelle fasi di possesso e non possesso”. In generale dice di aver trovato un buon gruppo: “Oggi ho visto non solo i titolari partecipare. Chi stava in panchina ha vissuto la partita con passione. Questo e’ sport: la passione di rappresentare un popolo e un club”.

DE PAUL: QUESTA VITTORIA E’ ANCHE DI VELAZQUEZ – Rodrigo De Paul, naturalmente, è felicissimo: “Oggi comincia il nostro campionato, dobbiamo lasciarci quanto fatto di male alle spalle. Ma voglio ringraziare Velazquez perché ci sono state cose buone in questo avvio e la vittoria è anche sua. Sono felice per i tifosi. Volevo essere in campo nonostante fossi arrivato solo da 48 ore. Sbagliare il calcio di rigore contro l’Empoli è stato brutto e oggi ho voluto metterci la faccia. Sono contento per i compagni ma ora dobbiamo continuare”.


Noi non siamo un partito, non cerchiamo consenso, non riceviamo finanziamenti pubblici, ma stiamo in piedi grazie ai lettori che ogni mattina ci comprano in edicola, guardano il nostro sito o si abbonano a Rep:.
Se vi interessa continuare ad ascoltare un’altra campana, magari imperfetta e certi giorni irritante, continuate a farlo con convinzione.

Mario Calabresi
Sostieni il giornalismo
Abbonati a Repubblica


http://www.repubblica.it/rss/sport/rss2.0.xml

Leave a Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi