Under21, Di Biagio: “Ok il bel gioco, ma con la Germania voglio un risultato”


ROMA –  “I ragazzi hanno disputato contro l’Inghilterra una buona gara; abbiamo incontrato una delle squadre più forti in senso assoluto a livello europeo e, nonostante il risultato, sono molto contento di quello che ho visto e delle risposte che hanno dato tutti”. Sono le parole di Gigi Di Biagio, ct dell’Italia Under 21, che torna sulla sconfitta per 2-1 contro l’Inghilterra prima di guardare alla sfida contro la Germania. Parlando alla vigilia dell’amichevole in programma domani allo stadio ‘Città del Tricolore’ di Reggio Emilia, il ct azzurro ha aggiunto: “Adesso bisogna capire che, se non facciamo gol, non si vincono le partite e quindi, quando capitano le occasioni chiare e lampanti come è successo l’altra sera e in tante altre partite, bisogna concretizzare. Comunque quando produci tanto, prima o poi arriveranno gare dove alle prime due azioni faremo altrettanti gol”.

“SONO FIDUCIOSO, LA SQUADRA CRESCE” – “La Germania è prima nel ranking Uefa di categoria e una delle avversarie del prossimo Europeo. Sarà partita vera, l’ultimo test che chiude il 2018. Nonostante la sconfitta nella gara di giovedì scorso con gli inglesi, la squadra di Di Biagio prosegue a grandi passi nel suo percorso di crescita, come ha confermato lo stesso tecnico azzurro. “Sono fiducioso, la squadra sta crescendo, si è proposta molto bene, abbiamo avuto il dominio del gioco per gran parte della gara e non posso che essere soddisfatto, visto anche lo scarso minutaggio di molti di loro”, ha detto. La Germania è prima nel ranking UEFA e una delle avversarie del prossimo Europeo. Sarà partita vera, l’ultimo test che chiude il 2018, come quella con l’Inghilterra. Di Biagio non ha dubbi: “Mi aspetto una gara di alto livello, un altro test importante che ci farà sicuramente crescere e farà acquisire esperienza a questi ragazzi. A me deve dare le indicazioni utili per fare delle scelte”.

“FELICE PER CHI PASSA IN NAZIONALE MAGGIORE” – Per quanto riguarda le scelte, Kean e Mancini sono passati in nazionale maggiore, Calabria e Vido hanno abbandonato il gruppo per problemi fisici, mentre è stato aggregato il difensore della Spal, Lorenzo Dickmann. “Siamo contenti – sottolinea il tecnico – per chi è passato nella Nazionale maggiore, quando succedono queste cose per noi è sempre una vittoria, vuol dire che stiamo lavorando bene. Per il resto ho ancora qualche ora per decidere la formazione, magari daremo la possibilità ad altri di mettersi in mostra. Però adesso ci vuole anche il risultato. Vanno bene i progressi, va bene lo spettacolo, ma nel calcio bisogna vincere”.


Noi non siamo un partito, non cerchiamo consenso, non riceviamo finanziamenti pubblici, ma stiamo in piedi grazie ai lettori che ogni mattina ci comprano in edicola, guardano il nostro sito o si abbonano a Rep:.
Se vi interessa continuare ad ascoltare un’altra campana, magari imperfetta e certi giorni irritante, continuate a farlo con convinzione.

Mario Calabresi
Sostieni il giornalismo
Abbonati a Repubblica


http://www.repubblica.it/rss/sport/rss2.0.xml

Leave a Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi