Usa: leonessa uccide leone, padre dei suoi tre cuccioli



“SIAMO devastati dalla morte di Nyack”. Così lo staff dello zoo Indianapolis commenta l’uccisione del leone maschio di 10 anni. Dieci giorni fa era stato ferito da Zuri, una leonessa di 12 anni, che da lui aveva avuto tre cuccioli nel 2015. In una nota diffusa venerdì scorso, il personale sostiene di non avere notato alcuna avvisaglia né episodio del genere prima del’episodio su cui si sta indagando. “Si tratta di un evento raro ma che può accadere in natura, ma non sappiamo cosa è stato a provocarlo”, ha spiegato David Hagan, il curatore dello zoo ai microfoni dell’emittente WTVR Channel 6.

Ad allertare gli addetti è stato un insolito ruggito proveniente dalla tana di Nyack, ma la zuffa era già in corso ed è stato impossibile separare la coppia. La leonessa ha continuato a stringere le sue fauci attorno al collo del maschio, finché questi non ha smesso di muoversi. In quel momento, era nelle vicinanze uno dei tre cuccioli di Zuri e Nyack, Sukari, femmina di tre anni. La morte del leone, stando all’autopsia, è avvenuta per soffocamento. I due esemplari convivevano nello stesso recinto da otto anni.

Lo zoo si dice profondamente addolorato per la scomparsa di Nyack, una delle principali attrazioni dello zoo che “la gente amava andare a trovare”. Al momento la leonessa, che proveniva dallo zoo di San Diego, non sarà spostata e resterà nella struttura assieme ai suoi cuccioli finché non saranno individuati altri elementi utili per comprendere l’accaduto.

Noi non siamo un partito, non cerchiamo consenso, non viviamo di stipendi pubblici, ma stiamo in piedi grazie ai lettori che ogni mattina ci comprano in edicola, guardano il nostro sito o si abbonano a Rep:.
Se vi interessa continuare ad ascoltare un’altra campana, magari imperfetta e certi giorni irritante, continuate a farlo con convinzione.

Mario Calabresi
Sostieni il giornalismo
Abbonati a Repubblica


http://www.repubblica.it/rss/ambiente/rss2.0.xml

Leave a Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi