Velisti dispersi, per anonimo sono morti – Cronaca


(ANSA) – GENOVA, 23 OTT – La procura di Roma ha aperto un
fascicolo sul caso di Aldo Revello e Antonio Voinea, due velisti
spezzini dispersi il 2 maggio scorso al largo del Portogallo
grazie a alcune informazioni inviate alla moglie di Revello
relative al presunto speronamento della barca a vela a opera di
un cargo. E’ stata la stessa Rosa Cilano Revello a renderlo
noto. Il primo contatto con la fonte anonima è avvenuto un mese
fa via Facebook con un post in cui si affermava che “Aldo e
Antonio sono morti, il Bright è stato speronato da una nave
cargo”. Il contatto ha scritto in inglese e ha fornito molti
dettagli. “Un mese fa questo contatto – ha spiegato Rosa Cilano
-. Abbiamo pensato a un mitomane o a un tentativo di chiedere
soldi. Non è andata così. Da un mese questa fonte mi scrive e ci
ha fornito dettagli troppo precisi per pensare non siano veri. E
combaciano tutti con i dubbi che avevamo sin dall’inizio”. Per
questo la donna ha deciso di passare le informazioni alla
Procura della Repubblica di Roma.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA










https://www.ansa.it/sito/notizie/cronaca/cronaca_rss.xml

Leave a Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi