Vesuvio, shock termico e devastazione: ricostruiti gli effetti dell’eruzione


LA TRAGICA sorte toccata ad alcune delle vittime del Vesuvio, nel 79 d.C., quando il vulcano distrusse e seppellì Pompei, Ercolano e Stabia, fu ancora più drammatica. Non solo l’eruzione esplosiva uccise in poco tempo circa 2.000 persone, ma ai morti i cui scheletri sono stati rinvenuti sul lungomare di Ercolano, l’intenso calore vaporizzò i tessuti e il sangue, facendo quasi esplodere il cranio.
Questo, fortunatamente, avvenne dopo il decesso. Un epilogo che non rende meno impressionante gli effetti che l’eruzione di un vulcano come il Vesuvio, uno stratovulcano che può dar luogo a fenomeni esplosivi, può avere su chi non riesca fuggire in tempo. Effetti devastanti che possono arrivare anche oltre i dieci chilometri di distanza.

•La fuga e la morte sulla spiaggia
Siamo abituati a ricordare le vittime del Vesuvio per i calchi di Pompei, sagome di ciò che resta dei corpi sepolti dall’ultima pioggia di cenere, poi riempiti con il gesso. Scene drammatiche dei loro ultimi istanti di vita: “Sul lungomare di Ercolano invece, in molti cercarono di fuggire sulla spiaggia e mettersi al riparo nei fornici, (edifici adibiti a magazzini e ricovero per le barche ndr) – spiega a Repubblica Pietro Paolo Petrone del dipartimento di Medicina legale dell’Università Federico II e primo autore dello studio – ma furono uccisi all’istante dallo shock termico”.

in riproduzione….

Gli scheletri rinvenuti, circa 80, hanno permesso ai ricercatori dell’Università di Napoli di stabilire cosa successe a quei corpi quando l’inferno scese dal versante della montagna (i risultati sono pubblicati sulla rivista Plos One). “Morirono molto in fretta, senza agonia – continua Petrone – una morte istantanea, congelati nell’ultimo istante di vita”. Poi successe questo: la temperatura, salita di centinaia di gradi, vaporizzò i tessuti e il sangue, il cervello, composto per la maggior parte di acqua, evaporò e la pressione salì talmente tanto da rompere anche la scatola cranica.

in riproduzione….

Il team di Petrone e Claudio Buccelli, professori del dipartimento di Scienze biomediche avanzate, in collaborazione con l’archeologo Francesco Sirano, direttore del Parco Archeologico di Ercolano, ha condotto un’indagine di tipo forense, da medici legali, mirata a cercare le cause della morte e i fenomeni che l’hanno accompagnata. A cominciare dagli ossidi di ferro, trovati sulle ossa e nella cenere che le ha conservate. Incrostazioni rossastre, risultato della degradazione dell’emoglobina quando l’onda di calore ha avvolto i corpi: “I primi scavi qui risalgono alla fine degli anni ‘90 – sottolinea Petrone – ma solo con le nuove tecniche, come la spettrografia, siamo riusciti a stabilire che cosa fossero quelle incrostazioni di colore rosso: residuo secco dell’emoglobina”. La conferma arriva anche dalle bruciature trovate sulle fratture, segno che quando le ossa si spezzarono, erano ancora esposte alle altissime temperature generate dall’eruzione.

in riproduzione….

•Il gigante che dorme, più di 1 milione a rischio
Ma, di nuovo, come già è stato per altri articoli pubblicati su Nature o Pnas negli anni passati, le indagini di Petrone destano attenzione sui rischi di una futura eruzione, che potrebbe avere conseguenze catastrofiche: “Al di là della ricaduta archeologica, trovare gli effetti del calore sul corpo e sullo scheletro ci dà indicazioni precise su quello che accadrebbe a questa distanza se il vulcano esplodesse di nuovo a questa distanza – continua il professore – siamo a circa sei chilometri, qui la temperatura raggiunse almeno i 500 gradi. Ma possiamo stimare che in un raggio di oltre dieci chilometri la devastazione sarebbe totale. E mezza Napoli è dentro. Ma in scavi passati abbiamo trovato resti di vittime di eruzioni anche molto più distanti, basti pensare all’eruzione “pomici di Avellino”, di cui troviamo strati di lava sotto il Maschio Angioino. Le ultime stime parlano di 700.000 persone a rischio, ma sono molte più di un milione”.

in riproduzione….

Una nube ardente potrebbe arrivare ad avvolgere la città e tutti i comuni vicini, in una zona densamente popolata, alla velocità di 300 chilometri orari. Vapore e cenere roventi che non lascerebbero scampo: “La mortalità sarebbe totale – conclude Petrone – con una forza d’impatto superiore alla resistenza di edifici in cemento armato. Per questo i piani di evacuazione per un’eventuale eruzione dovrebbero basarsi su mappe che prevedano un rischio del genere ma non mi risulta che la Protezione civile, al momento, ne tenga conto”.

Ma lo scenario di un’eruzione è ancora più allarmante secondo Giuseppe Mastrolorenzo, vulcanologo dell’Osservatorio vesuviano e dell’Ingv. Mastrolorenzo è primo autore dell’articolo apparso su Nature 17 anni fa (firmato assieme allo stesso Petrone) che descriveva le cause della morte per shock termico: “Su questo punto non c’è niente di nuovo. Dal 2001 conosciamo la causa di morte dell’eruzione del Vesuvio, ed è in base a quelle scoperte che si calcola il rischio e si dovrebbero fare i piani di evacuazione. In un altro studio, apparso su Plos One nel 2010, avevamo calcolato che il rischio di morte per l’alta temperatura interessa un raggio di almeno 20 chilometri e riguarda tre milioni di persone”.

Secondo Mastrolorenzo, i piani di evacuazione dovrebbero tenere conto di uno scenario molto più critico di quello attualmente contemplato: “Non possiamo prevedere come sarà l’eruzione, se sarà sub-pliniana, quindi con effetti più contenuti, oppure come quella di 2.000 anni fa. Da anni mi batto perché venga tenuto in considerazione il rischio più alto. Proprio perché non possiamo fare previsioni ma solo prevenzione. Con il Vesuvio non si gioca d’azzardo”.


http://www.repubblica.it/rss/scienze/rss2.0.xml

Leave a Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi