Virzì, Notti magiche è un atto d’amore – Cinema


(ANSA) – TORINO, 31 OTT – “Un atto d’amore e di gratitudine”
nei confronti del cinema, di cui racconta una stagione che non
c’è più, con al centro un giallo, la morte di uno sceneggiatore
che rappresenta una domanda: “chi ha ucciso quel cinema
italiano?”. Paolo Virzì racconta così ‘Notti magiche’, il film
presentato a Torino nelle sale dall’8 novembre.
   
“Era un’idea che mi portavo dietro da anni – prosegue – un
magma indistinto di ricordi, di voglia di narrare quell’epopea
di aspiranti cineasti sbarcati nella capitale”. La svolta il
giorno del funerale di Ettore Scola: “era l’ultimo di una
generazione di grandi maestri e decisi che volevo salutarli per
sempre, dire loro grazie”.
   
Il film mescola cose vere e inventate raccontando “l’idea di
una stagione del cinema che ha il mito di sé stesso” con al
centro tre giovani protagonisti, sceneggiatori in erba. A
interpretarli, quelli che il regista definisce “tre fenomenali
attori che sono diventati complici di questo progetto”, Mauro
Lamantia, Giovanni Toscano e Irene Ventre.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA










https://www.ansa.it/sito/notizie/cultura/cultura_rss.xml

Leave a Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi