Vito Scafidi moriva a scuola 10 anni fa – Cronaca


(ANSA) – TORINO, 22 NOV – “Per quarant’anni la scuola è stata
tratta come una Cenerentola, è stata violentata, distrutta e
oggi Vito non c’è più perché la Provincia di allora voleva
risparmiare 500 euro. Questo il valore della vita di mio
figlio”. A dieci anni dalla tragedia del Darwin di Rivoli, e in
occasione della Giornata Nazionale per la Sicurezza a Scuola, è
questa la denuncia di Cinzia Caggiano, mamma di Vito Scafidi,
morto a 17 anni per il crollo di un controsoffitto della scuola.
   
Un corteo di studenti ha ricordato la tragedia, in prima fila
la madre e la sindaca di Torino Chiara Appendino. “In dieci anni
qualcosa è cambiato, ma anche oggi si nota l’assenza dei
politici di Roma. Non vengono perché il problema non è risolto,
anche se ringrazio le autorità locali che si hanno sempre messo
la faccia”.
   
A Vito Scafidi è stato intitolato il giardino di piazza
Chiaves. “Non si può morire di scuola – conclude la madre del
ragazzo – spero che questo giardino sia monito alle
istituzioni”.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA



TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE:









https://www.ansa.it/sito/notizie/cronaca/cronaca_rss.xml

Leave a Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi