Voyager 1 batte un altro record: la sonda è a 20 ore luce dalla Terra


ROMA – La sonda della Nasa Voyager 1 ha battuto un altro record, raggiungendo la distanza dalla Terra di 20 ore luce, vale a dire più di 21 miliardi di chilometri. La notizia arriva poco tempo dopo quella riguardante la sua gemella Voyager 2, che si trova invece a più di 17 miliardi di chilometri dalla Terra, pronta a varcare i confini del Sistema Solare e ad entrare nello spazio interstellare, come ha fatto Voyager 1 nel 2012. L’obiettivo delle due sonde infatti, in viaggio fin dal 1977, è quello di arrivare dove nessuno prima è mai arrivato.

Le due sonde gemelle sono state inizialmente lanciate con l’obiettivo di esplorare Giove e Saturno. Dopo aver portato a diverse importanti scoperte, come i vulcani attivi su Io, una delle lune di Giove, e la complessità degli anelli di Saturno, la loro missione è stata prolungata: Voyager 2 è stata spedita a studiare Urano e Nettuno e per ora è l’unica sonda ad aver visitato questi due pianeti.

La missione attualmente in corso, invece, è stata chiamata Voyager Interstellar Mission (Vim) ed estenderà l’esplorazione del Sistema Solare fino al limite più esterno della sfera d’influenza del Sole, e possibilmente anche oltre: infatti al confine del nostro sistema planetario il vento solare, un flusso di particelle cariche che sulla Terra disegnano spettacolari aurore polari e nello spazio plasmano un’invisibile bolla che ci separa dal resto dell’universo, rallenta fino ad arrestarsi ed è controbilanciato dalla radiazione emessa dalle altre stelle della galassia.


Noi non siamo un partito, non cerchiamo consenso, non riceviamo finanziamenti pubblici, ma stiamo in piedi grazie ai lettori che ogni mattina ci comprano in edicola, guardano il nostro sito o si abbonano a Rep:.
Se vi interessa continuare ad ascoltare un’altra campana, magari imperfetta e certi giorni irritante, continuate a farlo con convinzione.

Mario Calabresi
Sostieni il giornalismo
Abbonati a Repubblica


http://www.repubblica.it/rss/scienze/rss2.0.xml

Leave a Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi