Zanardi, 52 anni da leggenda: il web festeggia il campione bolognese



ROMA – Cinquantadue anni di una vita da leggenda. Il mondo dello sport si sta unendo in un gigantesco abbraccio nei confronti di Alex Zanardi, nato a Bologna il 23 ottobre del 1966. Una grande festa che sta facendo impazzire i social network, con Twitter e Instagram dominati dagli hashtag dedicati all’ex pilota di Formula 1, divenuto poi fuoriclasse dell’handbike in seguito al terribile incidente del 15 settembre del 2001, che lo ha costretto all’amputazione di buona parte degli arti inferiori.

Con il passare degli anni, Zanardi è diventato un esempio per tutti, con la sua voglia di non mollare e l’incredibile capacità di reinventarsi: è tornato alle corse nel Mondiale Turismo e nel Campionato Italiano Superturismo, ha avuto grande successo da conduttore televisivo (“E se domani”, “Sfide”) ed è diventato un campione di handbike, portando a casa quattro ori e due argenti olimpici tra Londra 2012 e Rio de Janeiro 2016.

L’ultima impresa è il record nell’Ironman, migliorato di oltre mezz’ora a Cervia nello scorso settembre: per lui, oltre al miglior crono paralimpico, il quinto tempo assoluto su 2700 partecipanti. Gli auguri a Zanardi arrivano da ogni parte del mondo: tifosi pronti a osannarlo dal Brasile agli Stati Uniti, dall’Australia al Regno Unito. Un simbolo che piace alla gente per la sua semplicità, per la capacità di scherzare anche sulle disgrazie che lo hanno colpito. “Da te si impara a vivere”, si legge in uno dei tantissimi messaggi che imperversano sul web in queste ore. Tra chi lo definisce “eroe contemporaneo” e chi “guerriero senza tempo”, non c’è dubbio che Zanardi abbia fatto breccia nel cuore della gente. Un compleanno speciale per una leggenda.


Noi non siamo un partito, non cerchiamo consenso, non riceviamo finanziamenti pubblici, ma stiamo in piedi grazie ai lettori che ogni mattina ci comprano in edicola, guardano il nostro sito o si abbonano a Rep:.
Se vi interessa continuare ad ascoltare un’altra campana, magari imperfetta e certi giorni irritante, continuate a farlo con convinzione.

Mario Calabresi
Sostieni il giornalismo
Abbonati a Repubblica


http://www.repubblica.it/rss/sport/rss2.0.xml

Leave a Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi