Zeffirelli, scenografie liriche a Verona – Musica


(ANSA) – VERONA, 17 GIU – Dalla stazione di Porta Nuova,
passando per il corso; da Porta Palio a Porta Vescovo, fino alla
Croce Bianca. Fino al 15 ottobre le scenografie delle
più famose opere areniane accolgono cittadini e turisti nel
capoluogo scaligero, per ricordare che Verona è la città
dell’opera, e omaggiare – alla vigilia del Festival 2019 –
Franco Zeffirelli, che tanto ha dato con la sua arte all’Arena.
   
E proprio una delle scenografie disegnate dal maestro è stata la
prima ad essere posizionata in piazzale XXV Aprile: davanti alla
stazione è stata collocata l’imponente scenografia del faraone,
realizzata per la rappresentazione dell’Aida di Zeffirelli,
andata in scena nel 2002. Coi suoi 12 metri di altezza, 3 di
lunghezza e un peso che supera i 1200 chilogrammi, la statua in
legno e resina racconta bene il clima da festival lirico che si
respira in città. Lo stesso festival areniano si aprirà il 21/2
con la sua ultima produzione, la Traviata.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA


Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi